150° radio - ALTO GRADIMENTO

Negli anni Sessanta il programma radiofonico più seguito dai giovani era Bandiera Gialla, che si occupava esclusivamente di musica leggera con un occhio di riguardo nei confronti della musica che cominciava ad arrivare nel nostro Paese dall’America e dall’Inghilterra.

LA CORONA DI FERRO (Alessandro Blasetti) - 1941

LA CORONA DI FERRO

Blasetti  era uomo di regime (come quasi tutti quelli che volevano lavorare nel cinema sotto il fascismo), ma sembrò prenderne le distanze attraverso un certo pacifismo (più o meno evidente) di alcuni suoi film tra cui spicca proprio La corona di ferro. È un film in costume e di andamento narrativo favolistico, con storie di ossessioni erotiche e variegati riflessi culturali, dove sembrano citati Ariosto e Sem Benelli (scrittore amato dal regista, che realizzò La cena delle beffe da un suo libro).

PICCOLI EQUIVOCI SENZA IMPORTANZA, ANTONIO TABUCCHI (1985)

Tabucchi, insieme a Giorgio Bassani, è stato forse il maggiore scrittore italiano di racconti. Piccoli equivoci senza importanza è il libro più rappresentativo in questo senso. E le analogie con la storia nazionale sono presenti soprattutto nel racconto omonimo dove troviamo alcuni vecchi compagni di università su fronti differenti: il giudice che deve giudicare il vecchio amico, accusato sembra di terrorismo.

Manifesto Futurista (1909), Filippo Tommaso Marinetti

È il primo movimento d’avanguardia. Si intende con questo termine un movimento che punta nell’arte a un interesse ideologico e di conseguenza prepara a un radicale rivolgimento della cultura e del costume, negando in blocco tutto il passato e sostituendo alla ricerca di metodo un’audace sperimentazione stilistica e tecnica. Il movimento si apre con il manifesto letterario di Marinetti (1878-1944) nel 1909.