150° canzoni – NEL BLU DIPINTO DI BLU

Nel 1958 Domenico Modugno vinse il Festival di Sanremo con una canzone che era un inno alla fantasia e alla gioia di vivere. Uno squarcio innovativo nel mondo della canzone leggera che ribaltò il modello delle canzoni del periodo, legate in maniera sempre tradizionale ai temi d’amore più stantii, come ad esempio la canzone Edera della “matura” Nilla Pizza che era un monumento al passato ed era il brano ultra-favorito di quella edizione del Festival.

BERLINGUER TI VOGLIO BENE (Giuseppe Bertolucci, Roberto Benigni) - 1977

BERLINGUER TI VOGLIO BENE

Piccolo film d’esordio di Benigni e Giuseppe Bertolucci, di natura quasi elegiaca nella parte iconografica e boccaccesca nei dialoghi e nei monologhi sia di Bozzone (un bravissimo Carlo Monni) sia di Mario Cioni (Roberto Benigni).

LA COMPAGNIA DEI CELESTINI, STEFANO BENNI (1992)

Stefano Benni è forse il più importante scrittore umoristico italiano degli ultimi decenni del Novecento. Ispiratosi anche ad altri scrittori europei, come Daniel Pennac, ha un modo di scrivere parodistico e, attraverso un lessico stravagante e inventivo ha ironizzato in maniera molto accesa contro la società italiana del nostro tempo. È stato autore per Beppe Grillo e regista di un lungometraggio Musica per vecchi animali.

Venere degli stracci (1967), Michelangelo Pistoletto

Lavorò per dieci anni come restauratore pittorico nella bottega del padre, poi prese il vento e non si fermò più. Oltre ad essere stato uno degli artisti italiani più famosi all’estero ha avuto il grande pregio di essere stato un punto di riferimento organizzativo culturale nella qualità di mediatore tra artisti ed espositori: contribuì alla diffusione della Pop Art in Italia e fu il primo ambasciatore dell’Arte Povera (movimento artistico nazionale di cui è stato il massimo esponente) nel Mondo.