150° arte – FATTORI A MAGENTA

Giovanni Fattori nella sua biografia cita a malapena la propria famiglia, forse perché in tutte le epoche, quando si fugge o ci si distanzia dall’uscio sottocasa anche il racconto della propria vita comincia dal momento dell’autonomia. Il padre era un modesto cardatore di canapa, un materiale con cui veniva fabbricato il cordame per tante navi del porto di Livorno, città dove Giovanni nasce nel 1825. La madre, invece, era fiorentina.

I VITELLONI (Federico Fellini) - 1953

I VITELLONI

Il soggetto di partenza del film fu scritto da Ennio Flaiano. Leone d’Argento al Festival di Venezia e vincitore di due Nastri d’argento, questo film racconta l’insofferenza e le convenzioni dei giovani del dopoguerra, quando ormai era possibile sperare concretamente una vita migliore. Il mascherone di Alberto Sordi alla fine del film, la fuga di notte di Franco Interlenghi col treno per Roma, un ambiente di provincia giocoso, irriverente ma stantio che non cede niente alla maturità. Accanto a loro anche Franco Fabrizi, Leopoldo Trieste, Riccardo Fellini (fratello di Federico).

LA COMPAGNIA DEI CELESTINI, STEFANO BENNI (1992)

Stefano Benni è forse il più importante scrittore umoristico italiano degli ultimi decenni del Novecento. Ispiratosi anche ad altri scrittori europei, come Daniel Pennac, ha un modo di scrivere parodistico e, attraverso un lessico stravagante e inventivo ha ironizzato in maniera molto accesa contro la società italiana del nostro tempo. È stato autore per Beppe Grillo e regista di un lungometraggio Musica per vecchi animali.

Mole Antonelliana (1889), Alessandro Antonelli

Antonelli lavorò soprattutto in Piemonte per opere private e pubbliche, ma curò anche i piani regolatori di Ferrara e Novara. La Mole Antonelliana è stato il suo progetto più ambizioso e importante e per molto tempo, con i suoi 167 metri e mezzo, è stato l’edificio più alto d’Europa. La caratteristica della Mole è la cupola di forma piramidale che termina con una cuspide e le nervature in ferro hanno permesso la massima tensione della muratura. Stilisticamente ha aspetti gotici, quindi è sviluppato su grandi altezze la cui solidità è garantita da buone caratteristiche costruttive.