Film

FERIE D’AGOSTO (Paolo Virzì) - 1995

FERIE D’AGOSTO

Il lavoro forse più studiato e calibrato di Virzì, che tenta di rifare un film alla Ettore Scola, prendendo due gruppi familiari, uno di destra e uno di sinistra, e mettendoli a confronto nel momento più rilassante e quindi forse più vero: le ferie agostane, al mare a Ventotene.

LA MEGLIO GIOVENTÙ (Marco Tullio Giordana) - 2003

LA MEGLIO GIOVENTÙ

Il professore di medicina, dopo aver messo trenta all’esame al suo allievo gli dice: “Se lei ha una qualche ambizione vada via. se ne vada dall’Italia, vada via finché è in tempo. Lasci questo Paese. L’Italia è un Paese da distruggere, un posto bello e inutile, destinato a morire”.

E lo studente risponde: “Cioè secondo lei tra poco ci sarà un’apocalisse?”

Il professore replica: “Magari ci fosse, almeno saremmo tutti costretti a ricostruire. Invece qui rimane tutto immobile, uguale, in mano ai dinosauri. Mi dia retta vada via”.

IL DIVO (Paolo Sorrentino) - 2008

IL DIVO

Interpretato da uno stupefacente Toni Servillo, truccato come se davvero fosse Giulio Andreotti a stare in scena, il film di Sorrentino è un’eccesso vibrante di soluzioni iconografiche, e un racconto sorprendente di alcuni recenti anni di vita del più longevo politico della storia italica.

Al ritmo della musica di Cassius, la pellicola inizia con una serie di suicidi e omicidi, in cui si presume ci fosse lo zampino del senatore a vita: è una sequenza di grande ritmo che mette in fibrillazione lo spettatore dandogli subito il tono dell’intera opera.