Alfabeto oggetti

Radio

Radio

Il 6 giugno 1944 Radio Londra trasmise l’ordine dello sbarco in Normandia da parte degli Inglesi. Ma già il 30 ottobre 1938, alla CBS, il giovane Orson Welles gettò nel panico tanti americani raccontando l’invasione extraterrestre dal pianeta Marte. Quindi un uso strumentale-bellico e uno artistico-mediatico. Due prove differenti per la stessa invenzione: la radio, che fu il più importante mezzo di informazione e di propaganda della prima metà del Novecento.

Spaghetti

Spaghetti

Spaghetti uguale Italia. Ma gli spaghetti sembra siano stati inventati dai cinesi e importati in Italia da Marco Polo nel 1295. Eppure il cronachista e cartografo arabo Idrisi già nel 1154, in un suo libro dedicato alla Sicilia, parlava di vermicelli, una pasta filiforme. Resta il fatto che nel Mondo, quando si dice spaghetti si pensa al nostro Paese. Fatti a mano, composti industrialmente o trafilati al bronzo gli spaghetti hanno varie dimensioni e sono di solito preferiti con una cottura detta “al dente”.

Televisione RAI

Televisione RAI

Fu lo scozzese John L. Baird, tra marzo e ottobre 1925, a dare la prima dimostrazione che poteva esistere la trasmissione di immagini a distanza, in gamme di grigio, ma per la televisione elettronica (che usava i tubi catodici) si dovette aspettare il settembre 1927, a San Francisco, con l’inventore Philo Farnsworth.

Upim

Upim

È il primo grande magazzino italiano. Fondato a Verona nel 1928 come UPI (Unico Prezzo Italiano), modificò da subito il nome in UPIM (Unico Prezzo in Mostra). La caratteristica era che, per evitare l’ingresso di ladri e barboni, si doveva pagare all’entrata. Ogni articolo costava 1 lira, se si voleva acquistare un solo prodotto si pagava 1 lira all’ingresso e si prendeva il biglietto corrispondente, un po’ come i recenti negozi “tutto a 1 euro”. La Standa, catena di magazzini concorrente, nacque nel 1931. Ma già nel 1934 Upim contava 25 magazzini, arrivando a 150 negozi nel 1970.

Vespa Piaggio

Vespa Piaggio

La Vespa, nonostante il passare dei decenni e delle mode, resta uno degli esempi di design industriale più riuscito al Mondo. Creata nel 1946, progettata dall’ingegnere aeronautico Corradino D’Ascanio e prodotta negli stabilimenti Piaggio di Pontedera, la Vespa deve il suo nome a Enrico Piaggio che appena la vide in moto, col suo rumore e la sua forma disse: “Sembra una vespa!”.